MARCO DE MUTIIS: VIDEO GAMES & PHOTOGRAPHY: A BRIEF HISTORY


PRESENTATION: MARCO DE MUTIIS

TITOLO: VIDEO GAMES AND PHOTOGRAPHY: A BRIEF HISTORY

DATE & TIME: FRIDAY, MAY 27, 2016, 6 - 7.30 PM

LOCATION: SALA DEI 146, IULM 6, MILAN

FREE AND OPEN TO THE PUBLIC

LANGUAGE: ITALIAN & ENGLISH

RSVP RECOMMENDED (PLEASE SPECIFY "MARCO DE MUTIIS" IN THE SUBJECT LINE - LIMITED SEATING)

FULL VIDEO BELOW

EVENT DESCRIPTION

Photo and camera modes have started to appear in more and more video games, allowing players to capture an instant of the game world. Often mimicking some aspect of the camera interface and the act of photographing, games have been attempting to simulate photography, sometimes incorporating it into the mechanics of gameplay. So quite often we find ourselves in front of a screen, looking through a virtual viewfinder, interacting with simulated aperture settings and controlling the amount of depth of field of our in-game image. Playing games we also encounter fictional clients and digital photography teachers rating our safari pictures, telling us how to frame an image, to get closer, or giving us a disappointing C+ because our subject is not facing the camera. In short: there seem to be all sorts of strange simulations, remediations, and mutations of photography appearing within games, questioning what it means to photograph and to play and how the two are interconnected. VIDEO GAMES AND PHOTOGRAPHY: A BRIEF HISTORY is an attempt to illustrate the complex relationship and diverse interplay between photography and video games.

THE SPEAKER

Marco De Mutiis is an artist and curator with a focus on language, perception and communication. His works deal with the human necessity of expression through the act of coding and decoding system of signs, and the urgency to translate thoughts and feelings into symbols. Exploring that balancing act between an irrational and subconscious need to communicate and the impossibility of pure unmediated expression, he often attempts to unravel the polarisation between signal and noise, sign and meaning. His works have been shown in festivals and museums internationally. As a curator his research lies in the exploration of new forms of photographic practices beyond the camera, mutations and remediations of photography, and new approaches to the way images are created and distributed. Currently he is working as digital curator for Fotomuseum Winterthur and research associate at the Lucerne University of Applied Sciences and Arts (Switzerland). De Mutiis lives in Zurich, Switzerland. 

marcodemutiis.com


PRESENTAZIONE: MARCO DE MUTIIS

TITOLO: VIDEOGIOCHI & FOTOGRAFIA: UNA BREVE STORIA

DATA & ORA: GIOVEDÌ, 27 MAGGIO, 2016, DALLE ORE 18:00 ALLE 19.30

LUOGO: SALA DEI 146, IULM 6, MILANO

LINGUA: ITALIANO & INGLESE

EVENTO GRATUITO E APERTO AL PUBBLICO

PRENOTAZIONE CONSIGLIATA (SPECIFICARE "MARCO DE MUTIIS" NELL'OGGETTO DEL MESSAGGIO - POSTI LIMITATI)

DESCRIZIONE

Oggi, la fotografia e le macchine fotografie sono presenti in un numero crescente di videogiochi, il che consente ai giocatori di catturare e preservare un istante del mondo ludico. Spesso imitando aspetti dell'interfaccia della fotocamera e dell'atto di fotografare, i videogiochi emulano la fotografia, a volte incorporandola direttamente nella meccanica e nel gameplay. Pertanto, spesso ci troviamo di fronte a uno schermo, guardando attraverso un mirino digitale, interagendo con macchine fotografiche virtuali, manipolando parametri quali la profondità di campo e l'apertura della lente. Ma le modalità di rimediazione e simulazione della fotografia nei videogiochi presentano aspetti bizzarri, spesso contraddittori. Questi paradossi sollecitano una riflessione sulla natura del medium. In questa presentazione, De Mutiis illustra il complesso e variegato rapporto tra fotografia e videogiochi.

SPEAKER

Marco De Mutiis è un artista e curatore. La sua pratica concerne il linguaggio, la percezione e la comunicazione. Le sue opere esplorano la necessità umana di comunicare attraverso l'atto della codifica/decodifica di un sistema di segni e l'urgenza di tradurre pensieri e sentimenti in simboli. Esaminando il sottile confine tra il bisogno irrazionale e subconscio di comunicare e l'impossibilità di un'espressione pura, immediata (ovvero non mediata), De Mutiis tenta di portare in primo piano la polarizzazione tra segnale e rumore, segno e significato. Le sue opere sono state esposte in festival e musei internazionali. Come curatore, la sua ricerca privilegia la ricerca di pratiche fotografiche innovative, mutazioni e rimediazione fotografiche nonché nuovi approcci alla diffusione e condivisione dell'immagine fotografica. Attualmente lavora come curatore digitale per Fotomuseum Winterthur e ricercatore associato presso l'Università di Scienze Applicate di Lucerna e delle Arti in Svizzera. Vive a Zurigo, in Svizzera.

marcodemutiis.com