Jun
30
to Jul 1

GAME VIDEO/ART. A SURVEY. BOOK LAUNCH

GVA

WHAT: CATALOGUE PRESENTATION

WHEN: THURSDAY JUNE 30, 2016, 3:30 PM

WHERESALA DEI 146, OPEN SPACE IULM 6

FREE ADMISSION & OPEN TO THE PUBLIC

DESCRIPTION

Published by Silvana Editoriale, the official catalogue of GAME VIDEO/ART. A SURVEY will be introduced by a panel comprising Andrea Cancellato, (Triennale CEO), Prof. Mario Negri (Rector) and Prof. Gianni Canova (Pro Rector).

The presentation will be followed by a performance by artist Marco Mendeni.


COSA: PRESENTAZIONE CATALOGO

QUANDO: GIOVEDì 30 GIUGNO, ORE 15.30

DOVE: SALA DEI 146, OPEN SPACE IULM 6

INGRESSO LIBERO E APERTO AL PUBBLICO

DESCRIZIONE

Pubblicato da Silvana Editoriale, il catalogo ufficiale di GAME VIDEO/ART. A SURVEY sarà introdotto da un panel formato da Andrea Cancellato (Direttore Generale, Triennale Milano), il prof. Mario Negri (Rettore) e il Prof. Gianni Canova (Pro-Rettore).

La presentazione sarà seguita da una performance dell'artista Marco Mendeni. 

View Event →
May
27
to May 28

MARCO DE MUTIIS: VIDEO GAMES & PHOTOGRAPHY: A BRIEF HISTORY

PRESENTATION: MARCO DE MUTIIS

TITOLO: VIDEO GAMES AND PHOTOGRAPHY: A BRIEF HISTORY

DATE & TIME: FRIDAY, MAY 27, 2016, 6 - 7.30 PM

LOCATION: SALA DEI 146, IULM 6, MILAN

FREE AND OPEN TO THE PUBLIC

LANGUAGE: ITALIAN & ENGLISH

RSVP RECOMMENDED (PLEASE SPECIFY "MARCO DE MUTIIS" IN THE SUBJECT LINE - LIMITED SEATING)

FULL VIDEO BELOW

EVENT DESCRIPTION

Photo and camera modes have started to appear in more and more video games, allowing players to capture an instant of the game world. Often mimicking some aspect of the camera interface and the act of photographing, games have been attempting to simulate photography, sometimes incorporating it into the mechanics of gameplay. So quite often we find ourselves in front of a screen, looking through a virtual viewfinder, interacting with simulated aperture settings and controlling the amount of depth of field of our in-game image. Playing games we also encounter fictional clients and digital photography teachers rating our safari pictures, telling us how to frame an image, to get closer, or giving us a disappointing C+ because our subject is not facing the camera. In short: there seem to be all sorts of strange simulations, remediations, and mutations of photography appearing within games, questioning what it means to photograph and to play and how the two are interconnected. VIDEO GAMES AND PHOTOGRAPHY: A BRIEF HISTORY is an attempt to illustrate the complex relationship and diverse interplay between photography and video games.

THE SPEAKER

Marco De Mutiis is an artist and curator with a focus on language, perception and communication. His works deal with the human necessity of expression through the act of coding and decoding system of signs, and the urgency to translate thoughts and feelings into symbols. Exploring that balancing act between an irrational and subconscious need to communicate and the impossibility of pure unmediated expression, he often attempts to unravel the polarisation between signal and noise, sign and meaning. His works have been shown in festivals and museums internationally. As a curator his research lies in the exploration of new forms of photographic practices beyond the camera, mutations and remediations of photography, and new approaches to the way images are created and distributed. Currently he is working as digital curator for Fotomuseum Winterthur and research associate at the Lucerne University of Applied Sciences and Arts (Switzerland). De Mutiis lives in Zurich, Switzerland. 

marcodemutiis.com


PRESENTAZIONE: MARCO DE MUTIIS

TITOLO: VIDEOGIOCHI & FOTOGRAFIA: UNA BREVE STORIA

DATA & ORA: GIOVEDÌ, 27 MAGGIO, 2016, DALLE ORE 18:00 ALLE 19.30

LUOGO: SALA DEI 146, IULM 6, MILANO

LINGUA: ITALIANO & INGLESE

EVENTO GRATUITO E APERTO AL PUBBLICO

PRENOTAZIONE CONSIGLIATA (SPECIFICARE "MARCO DE MUTIIS" NELL'OGGETTO DEL MESSAGGIO - POSTI LIMITATI)

DESCRIZIONE

Oggi, la fotografia e le macchine fotografie sono presenti in un numero crescente di videogiochi, il che consente ai giocatori di catturare e preservare un istante del mondo ludico. Spesso imitando aspetti dell'interfaccia della fotocamera e dell'atto di fotografare, i videogiochi emulano la fotografia, a volte incorporandola direttamente nella meccanica e nel gameplay. Pertanto, spesso ci troviamo di fronte a uno schermo, guardando attraverso un mirino digitale, interagendo con macchine fotografiche virtuali, manipolando parametri quali la profondità di campo e l'apertura della lente. Ma le modalità di rimediazione e simulazione della fotografia nei videogiochi presentano aspetti bizzarri, spesso contraddittori. Questi paradossi sollecitano una riflessione sulla natura del medium. In questa presentazione, De Mutiis illustra il complesso e variegato rapporto tra fotografia e videogiochi.

SPEAKER

Marco De Mutiis è un artista e curatore. La sua pratica concerne il linguaggio, la percezione e la comunicazione. Le sue opere esplorano la necessità umana di comunicare attraverso l'atto della codifica/decodifica di un sistema di segni e l'urgenza di tradurre pensieri e sentimenti in simboli. Esaminando il sottile confine tra il bisogno irrazionale e subconscio di comunicare e l'impossibilità di un'espressione pura, immediata (ovvero non mediata), De Mutiis tenta di portare in primo piano la polarizzazione tra segnale e rumore, segno e significato. Le sue opere sono state esposte in festival e musei internazionali. Come curatore, la sua ricerca privilegia la ricerca di pratiche fotografiche innovative, mutazioni e rimediazione fotografiche nonché nuovi approcci alla diffusione e condivisione dell'immagine fotografica. Attualmente lavora come curatore digitale per Fotomuseum Winterthur e ricercatore associato presso l'Università di Scienze Applicate di Lucerna e delle Arti in Svizzera. Vive a Zurigo, in Svizzera.

marcodemutiis.com

View Event →
May
20
6:00 PM18:00

MARCO CADIOLI: POST-PHOTOGRAPHY NOW

PRESENTATION: MARCO CADIOLI

TITLE: POST-PHOTOGRAPHY NOW

DATE & TIME: FRIDAY MAY 20, 2016, 6 - 7.30 PM

LOCATION: ROOM 112 (IULM 1)

LANGUAGE: ITALIAN

FREE AND OPEN TO THE PUBLIC

PLEASE RSVP (WRITE "MARCO CADIOLI" IN THE SUBJECT LINE - LIMITED SEATING)

DESCRIPTION

Join us for a fascinating presentation by Italian artist Marco Cadioli about virtual photography, or, rather, real photography in virtual spaces, from videogames to virtual worlds.

THE SPEAKER

Marco Cadioli is fascinated by images appearing on computer screens and the increasing blurring between real and virtual. Through his online journeys, he explores the new digital spaces created by virtual worlds. He explored online multiplayer games an “embedded” photographer, like a modern day Robert Capa, and with his avatar Marco Manray he published photo reportages from Second Life on several outlets. He currently investigates post-photographic practices and the emergence of digital mapping. He exhibited at Neoludica. Art is a game 2011-1966 (54a Biennale di Venezia 2011), BYOB (Padiglione Internet, Venezia 2011), AFK (Casino Luxembourg – 2011), Fotografia Festival (Roma, Macro Testaccio 2010), Odyssey art+performance sim in Second Life (2009), Reality Festival (Paris 2008), PEAM Pescara Electronic Artists Meeting (2006). Cadioli teaches at the Accademia di Belle Arti SantaGiulia of Brescia, and the Accademia di Comunicazione of Milan. Cadioli lives and works in Milan.

marcocadioli

Above: ARENAE, 2005


PRESENTAZIONE: MARCO CADIOLI

TITOLO: POST-PHOTOGRAPHY NOW

DATA E ORA: VENERDI 20 MAGGIO, 2016, DALLE 18:00 ALLE 19.30

SPAZIO: AULA 112 (IULM 1)

LINGUA: ITALIANO

EVENTO GRATUITO E APERTO AL PUBBLICO

PRENOTAZIONE CONSIGLIATA (SPECIFICATE "MARCO CADIOLI" IN OGGETTO - POSTI LIMITATI)

DESCRIZIONE

L'artista italiano Marco Cadioli propone un viaggio nei mondi della fotografia virtuale, o meglio, della vera fotografia nei mondi virtuali.

LO SPEAKER

Laureato in Fisica, Marco Cadioli lavora nella produzione di animazioni tridimensionale sin dal 1985 e ha seguito successivamente le principali tappe dell’evoluzione dei new media. Analizza sistematicamente il paesaggio in evoluzione della rete e dal 2003 scatta fotografie durante i suoi viaggi online, come "primo reporter della rete". Presenta i suoi reportage fotografici con il progetto Internet Landscape e nel 2005 pubblica ARENAE, uno studio dei videogame online di guerra che documenta come fotografo embedded. ARENAE estende le esplorazioni di Internet Landscape agli MMORPG (acronimo di Massive Multiplayer Online Role Playing Game) e ai mondi virtuali della rete "abitati" da avatar. Ha esposto le sue opere a numerose mostre, tra cui Neoludica. Art is a game 2011-1966 (54th Biennale di Venezia 2011), BYOB (Padiglione Internet, Venezia 2011), AFK (Casino Luxembourg – 2011), Fotografia Festival (Roma, Macro Testaccio 2010), Odyssey art + performance sim in Second Life (2009), Reality Festival (Paris 2008), PEAM Pescara Electronic Artists Meeting (2006). Cadioli insegna presso l'Accademia di Belle Arti Santa Giulia di Brescia e l'Accademia di Comunicazione di Milano. Vive e lavora a Milano.

Leggete un'intervista con Marco Cadioli tratta da GameScenes

marcocadioli

Immagini: ARENAE, 2005

View Event →
May
13
6:00 PM18:00

PIETRO RIGHI RIVA: "SOMETHING TO SAY"

PRESENTATION: PIETRO RIGHI RIVA

TITLE: "SOMETHING TO SAY"

DATE & TIME: FRIDAY MAY 13, 2016, 6 - 7.30 PM

LOCATION: ROOM 112 (IULM 1)

LANGUAGE: ITALIAN

FREE AND OPEN TO THE PUBLIC

PLEASE RSVP (WRITE "PIETRO RIGHI RIVA" IN THE SUBJECT LINE - LIMITED SEATING)

DESCRIPTION

Join us for a compelling presentation by game designer Pietro Righi Riva. The lecture focuses on non-traditional techniques for creating contemporary video games. What is the problem with today's digital entertainment and its inspirations? What can creators do to reinvent the medium?

THE SPEAKER

Born in Milan in 1985, Righi Riva is co-founder and studio director at Santa Ragione where he worked on multiple award-winning independent games, such as MirrorMoon EP, FOTONICA, and Wheels of Aurelia. After achieving a Ph.D in Interaction Design at Politecnico di Milano, Righi Riva has been teaching at Politecnico di Milano, California College of Arts, Shanghai Theater Academy, and Tsinghua University, among others. His design philosophy is aimed at developing games that are not objective-driven, and adopts the concept of playful technology to integrate expressive technical limitations in his designs. Today, Righi Riva is the Coordinator of GAME/PLAY. Design, Direction, and Production, a brand new Master's Program at IULM University. Righi Riva lives and works in Milan.

pietrorighiriva

Above: stills from MirrorMoon EP and Wheels of Aurelia. (c) Santa Ragione.


PRESENTAZIONE: PIETRO RIGHI RIVA

TITOLO: "QUALCOSA DA DIRE"

DATA & ORA: VENERDÌ 13 MAGGIO, 2016 DALLE 18:00 ALLE 19:30

LUOGO: AULA 112 (IULM 1)

LINGUA: ITALIANO

EVENTO GRATUITO E APERTO AL PUBBLICO

PRENOTAZIONE CONSIGLIATA (SPECIFICARE "PIETRO RIGHI RIVA" IN OGGETTO - POSTI LIMITATI)

DESCRIZIONE

Unitevi a noi per una pungente e stimolante presentazione di Pietro Righi Riva. Il game designer propone una serie di tecniche tutt'altro che ortodosse per la creazione di videogiochi. Secondo Riva, oggi i videogiochi "non funzionano". Cosa possono fare i creatori per reinventare il medium?

LO SPEAKER

Pietro Righi Riva, classe 1985, dirige lo studio di produzione di videogiochi Santa Ragione. dal 2010 con il quale ha sviluppato giochi sperimentali vincitori di premi internazionali, tra cui il gioco di corse in soggettiva FOTONICA (2011), il gioco di esplorazione astratto MirrorMoon EP (2013) e il gioco di guida narrativo Wheels of Aurelia (2015). Righi Riva ha conseguito un dottorato in Interaction Design al Politecnico di Milano e ha collaborato con l'Istituto dei Ciechi di Milano per la realizzazione di un catalogo di strumenti per il game design accessibile. Dal 2016, coordina l'innovativo Master Universitario GAME/PLAY. Design, Direction & Production alla IULM. Righi Riva vive e lavora a Milano.

pietrorighiriva

In alto: immagini da MirrorMoon EP e Wheels of Aurelia. (c) Santa Ragione.

View Event →
May
6
6:00 PM18:00

ROC HERMS: POSTCARDS FROM HOME

PRESENTATION: ROC HERMS

TITLE: POSTCARDS FROM HOME

DATE & TIME: FRIDAY MAY 6, 2016, 6 - 7.30 PM

LOCATION: ROOM 112 (IULM 1)

LANGUAGE: ENGLISH AND SPANISH

FREE AND OPEN TO THE PUBLIC

PLEASE RSVP (WRITE "ROC HERMS" IN THE SUBJECT LINE - LIMITED SEATING)

DESCRIPTION

Join us for a fascinating presentation by Spanish artist Roc Herms, whose photographic practice oscillates between different layers of reality and shades of meanings. 

THE SPEAKER

Roc Herms (Spain, 1978) has been taking photographs since 2002. Herms explores the increasing digitalization of the human race and the ongoing relationship between the self and its mediated expressions. In 2008, he won the Editor's Award for Excellence awarded by PHOTO ICON Magazine. Herms’ series Are You Sure You Want To Log Out? was exhibited at the 2014 Noorderlicht Photography Festival: An Ocean of Possibilities. Herms is the author of several books, including Postcards from Home and <Yo> <Yo> <Yo> <Yo> (2007-2015). His most recent work is currently on display at fotomuseum in Winterthur, Switzerland, as part of the ongoing series SITUATIONS_PLAY.

rocherms.com


PRESENTAZIONE: ROC HERMS

TITOLO: POSTCARDS FROM HOME

DATA & ORARIO: VENERDÌ 6 MAGGIO, 2016, 18 - 19.30

LUOGO: AULA 112 (IULM 1)

LINGUA: INGLESE & SPAGNOLO

EVENTO GRATUITO E APERTO AL PUBBLICO

PRENOTAZIONE CONSIGLIATA (SPECIFICARE "ROC HERMS" NELL'OGGETTO DEL MESSAGGIO - POSTI LIMITATI)

DESCRIZIONE

L'artista basco Roc Herms mette a nudo le contraddizioni delle simulazioni digitali attraverso una pratica fotografica unica nel suo genere.

LO SPEAKER

Nato in Spagna nel 1978, Roc Herms è un artista e fotografo dal 2002. La sua pratica esplora la sistematica digitalizzazione della cultura contemporanea e mette a tema le relazioni sociali create dai new media. Nel 2008, si è aggiudicato l'Editor's Award for Excellence dalla prestigiosa testata PHOTO ICON. Nel 2014, la serie Are You Sure You Want To Log Out? è stata presentata al Festival di Fotografia di Noorderlicht, intitolato An Ocean of Possibilities. Herms è l'autore di numerosi libri tra cui, Postcards from Home and <Yo> <Yo> <Yo> <Yo> (2007-2015). Le sue opere più recenti sono in mostra al fotomuseum di Winterthur, Svizzera, fino al 22 maggio 2016, nell'ambito del progetto SITUATIONS_PLAY.

rocherms.com

View Event →
May
5
6:00 PM18:00

OSCAR NODAL: GLITCH AS A NARRATIVE AGENT IN MACHINIMA

PRESENTATION: OSCAR NODAL

TITLE: GLITCH AS A NARRATIVE AGENT IN MACHINIMA

DATE & TIME: THURSDAY, MAY 5, 2016, 6 - 7.30 PM

LOCATION: ROOM 112 (IULM 1)

LANGUAGE: ENGLISH

FREE AND OPEN TO THE PUBLIC

PLEASE RSVP (WRITE "OSCAR NODAL" IN THE SUBJECT LINE - LIMITED SEATING)

EVENT DESCRIPTION

Join us for a in-depth presentation on glitch aesthetics in machinima production by Mexican artist Oscar Nodal, whose work Sleepy Existence (2014) is currently on display in the RECORD section of GAME VIDEO/ART. A SURVEY.

THE SPEAKER

Born in Juarez, Mexico in 1986, Oscar Nodal is a visual artist who engages with new media technology, synthetic imagery, and simulated environments. As critic Emmanuel Villareal writes, “Nodal's work by moments examines video purely as an electronic technology of signal processing and transmission that shares these properties with other electronic media, notably television. But most of all, portrays video as a medium in its own right by articulating specific media language in a step-by-step construction of a videographic-aesthetic vocabulary, at times, successfully establishing an emergent semiotic system by which video becomes a medium that can be truly distinguished from alternative media.”

oscarnodal

Above: Oscar Nodal, Through the Crumbling South Island, 2015, still frame from video installation


PRESENTAZIONE: OSCAR NODAL

TITOLO: LA GLITCH COME AGENTE NARRATIVO NEI MACHINIMA

DATA & ORA: GIOVEDÌ 5 MAGGIO 2016, DALLE ORE 18 ALLE ORE 19.30

LUOGO: AULA 112 (IULM 1)

LINGUA: INGLESE

EVENTO GRATUITO E APERTO AL PUBBLICO

PRENOTAZIONE CONSIGLIATA (SPECIFICARE "OSCAR NODAL" NELL'OGGETTO DEL MESSAGGIO - POSTI LIMITATI)

DESCRIZIONE

L'artista messicano Oscar Nodal discute l'estetica glitch nella produzione machinima contemporanea in una presentazione che oscilla tra videogiochi e videoarte. L'opera di Nodal Sleepy Existence (2014) è in mostra nella sezione RECORD

LO SPEAKER

Nato a Juarez, in Messico nel 1986, Oscar Nodal è un artista visuale che lavora con i new media, le immagini di sintesi e gli ambienti simulati. Come ha osservato il critico Emmanuel Villareal, "Nelle opere di Nodal il video è trattato come una tecnologia elettronica di elaborazione dei segnali e di trasmissione analoga ad altri mezzi di comunicazione, in particolare, alla televisione. Allo stesso tempo, Nodal tratta il video come una forma espressiva autonoma, articolandone lo specifico linguaggio attraverso la costruzione di un vocabolario estetico-videografico che, in alcuni casi, definisce un sistema semiotico emergente."

oscarnodal

Sopra: Oscar Nodal, Through the Crumbling South Island, 2015, still frame from video installation


View Event →